L’artigiano in fiera: guida alla sopravvivenza

Ricomincia come ogni anno l’Artigiano in Fiera, celebre fiera meneghina che si svolge presso gli spazi espositivi di Fieramilano (Rho – Pero) generalmente la prima settimana di dicembre.

Tra tanta paccottiglia la fiera è comunque ricca di buoni prodotti, il problema è trovarli senza farsi sopraffare dalla rabbia o dalla frustazione, soprattutto se visiterete la fiera durante il week end quando troverete così tanta gente da faticare a muoversi.

Iniziate a pianificare bene la vostra visita inziando con il porsi la semplice domanda “come arrivare”? Perchè anche giungere alla fiera può essere piuttosto stressante. Il parcheggio è a pagamento e se non volete trovarvi imbottigliati nel traffico noi vi consigliamo di lasciare la vostra vettura a Rho, in zona stazione. C’è un parcheggio piuttosto grande all’incorcio tra Via Odescalchi e Via Zara, a pochi metri dalla stazione ferroviaria. Dalla stazione di Rho prendete qualsiasi treno diretta a Treviglio o a Pioltello e in cinque minuti sarete a Rho Fiera (prima fermata).
Se volete indicazioni generali per raggiungere l’Artigiano in Fiera cliccate qui.

Una volta arrivati alla fiera però i problemi continuano. Come sopravvivere alla massa di persone? Come girare? Dove mangiare senza farsi spennare?

La fiera attira tantissime persone, questo è un dato di fatto, ma se volete girare con un minimo di tranquillità ci sono delle piccole precauzioni da prendere. Se un padiglione è troppo affollato evitate di percorrere il suo perimetro esterno, per vari motivi sono i corridoi più affollati.
I padiglioni più gettonati sono quelli dedicati ai paesi extra europei, sappiate però che paradossalmente troverete qui i prezzi più alti di tutta la fiera nonchè i prodotti di più bassa qualità.

Dove mangiare? Le migliori offerte e la migliore qualità l’abbiamo trovata nei padiglioni italiani: ampia scelta, buona qualità e prezzi accettabili. Per esempio nello stand Siciliano abbiamo trovato cannoli a 2,5€ e “pane e panelle” a 3€, molto meno di dove abbiamo deciso di mangiare noi, ovvero al Thai Thai (nello stand Thailandese) dove gli spaghetti di riso venivano venduti a 10€ a porzione, involtini di verdure a 6€ e banane fritte a 6€, decisamente prezzi troppo elevati considerando anche il numero ridicolo di coperti a disposizione rendendolo in pratica un take away.

Nonostante il caos e i prezzi elevati la Fiera merita comunque di essere visitata, è un buon modo per passare una piacevole giornata e magari trovare l’ispirazione per qualche regalo di Natale.
Buona fiera a tutti e se avete ulteriori consigli non esitate a mandarceli a questo inidirizzo: info@comearrivarea.com .

Riccardo Minora
(info@comearrivarea.com)