Cosa vedere a Bangkok (Thailandia) – Guida e photo gallery

Bangkok (Thailandia)

Bangkok (Thailandia)

Bangkok è una città ricca di contraddizioni dove all’ombra di enormi e moderni centri commerciali sorgono case fatiscenti, ben visibili allontanandosi dalle strade principali o prendendo un traghetto attraverso i canali della città.

Nonostante la povertà diffusa Bangkok è una città piuttosto sicura, le sue strade non sono mai deserte, nemmeno in piena notte.
Il pericolo più grande è rappresentato dall’instabilità politica che da il via a diverse manifestazioni di protesta nei confronti del governo che, come spesso è accaduto, sfociano in guerriglia urbana. Se vi imbattete in un corteo o in qualsiasi assembramento, tornate sui vostri passi.

Wat Arun - Bangkok (Thailandia)

Wat Arun – Bangkok (Thailandia)

Muoversi a Bangkok può essere problematico. La città è immensa e la rete della metropolitana poco estesa.
L’area più turistica, dove si trova per esempio il palazzo reale, non è raggiungibile in metropolitana.
Il modo migliore per muoversi in città è in taxi, sono molto economici a patto di effettuare corse con tassametro attivo. Se il taxista si rifiuta cambiate taxi.
Non date per scontato che l’autista conosca Bangkok come le sue tasche. Avere una cartina che mostri chiaramene dove dovete andare potrebbe tornarvi utile. Ancora più utile potrebbe essere avere un navigatore. Durante la nostra visita un taxista non è stato in grado di portarci al Wat Arun, un po’ come se un taxista di Roma non sapesse dove si trova il Pantheon.
Una corsa in taxi, anche se molto lunga, raramente supera i 100 baht (2,70€). Una corsa in metropolitana viene intorno ai 40 baht (1€) a testa.

Chao Phraya - Bangkok (Thailandia)

Chao Phraya – Bangkok (Thailandia)

Molto economici, anche se piuttosto sgangherati, sono i traghetti. La rete di canali si estende per buona parte della città e fungono come una sorta di metropolitana fluviale. Non vengono usati molto dai turisti ma noi ve li consigliamo, sono molto caratteristici.
Discorso diverso per i traghetti che percorrono il fiume Chao Phraya, sono sempre piuttosto economici ma molto utilizzati dai turisti per raggiungere la zona del Palazzo Reale e il Wat Arun.

C’è molto da vedere a Bangkok ma tre giorni sono sufficienti per vedere almeno le attrazioni principali che vi elenchiamo in questa breve guida.
Purtroppo templi e musei chiudono piuttosto presto, tra le 17 e le 18. Per vedere tutto vi consigliamo di alzarvi presto al mattino.

Wat Phra Kaew - Bangkok (Thailandia)

Wat Phra Kaew – Bangkok (Thailandia)

WAT PHRA KAEW: questo complesso include il tempio reale, nel quale è conservato il celebre Buddah di smeraldo, e il palazzo reale. Una visita è d’obbligo e se si tratta del primo tempio buddhista che visiterete ne rimarrete sicuramente positivamente impressionati. Ricordate di vestire con pantaloni lunghi e magliette con le maniche o dovrete indossare delle vesti che vi verranno consegnate all’ingresso del tempio.

WAT PHO: questo tempio sorge nelle immediate vicinanze del Palazzo Reale. È celebre perché al suo interno si trova il Buddah sdraiato, una colossale statue dorata di 46 metri di lunghezza per 15 di altezza.
Se volete rilassarvi al suo interno troverete un centro massaggi piuttosto economico e una simpatica colonia di gatti.

Wat Arun - Bangkok (Thailandia)

Wat Arun – Bangkok (Thailandia)

WAT ARUN: dall’altro lato del fiume rispetto al Wat Pho si trova il Wat Arun, tempio a forma piramidale interamente ricoperto di porcellana cinese. Dalla sua sommità si ha una bella vista sulla città e sul fiume Chao Phraya. Per raggiungerlo utilizzate il traghetto che attraversa il Chao Phraya dalla fermata Tha Thien.

CHINATOWN: la comunità cinese di Bangkok si concentra soprattuto in quest’area. Troverete molti negozi che vendono prodotti cinesi e un tempio buddista in stile cinese che vi consigliamo vivamente di visitare, il Wat Mangkon Kamalawat.

Wat Traimit - Bangkok (Thailandia)

Wat Traimit – Bangkok (Thailandia)

WAT TRAIMIT: il Wat Traimit conserva al suo interno il famoso Buddah d’oro, il cui nome ufficiale in thai è Phra Phuttha Maha Suwan Patimakon.
Si trova alla sommità del tempio e con i suoi 3 metri di altezza è veramente impressionante.

MONTAGNA DORATA: il Wat Saket, il tempio meglio conosciuto come monte d’oro, sorge sulla cima di una montagna artificiale. Il tempio in se non ha nulla di speciale ma la scalinata nel verde per raggiungerlo e la vista della città dalla sua sommità lo rendono a nostro avviso una tappa obbligata e piacevole.

Baiyoke Tower II - Bangkok (Thailandia)

Baiyoke Tower II – Bangkok (Thailandia)

BAIYOKE TOWER II: con i suoi 304 metri d’altezza la Baiyoke Tower II, è il grattacielo più alto della Thailandia.
In cima troverete un bar è una terrazza panoramica rotante. La foschia perenne genereta dell’inquinamento rovina il panorama ma vale comunque la pena salire su questo colosso.
La sera il biglietto d’ingresso aumenta ma avrete incluso un’ora “all you can drink” con un minuscolo buffet al roof bar del grattacielo. Attenti a non scendere ubriachi!

CENTRI COMMERCIALI: la zona intorno a Siam Square, Pratunam e Ploenchit, è ricca di enormi centri commerciali. I più importanti sono il Siam Paragon, dove troverete tutte le firme più prestigiose e l’MBK Center, specializzato invece in prodotti contraffatti. All’interno di quest’ultimo ricordatevi di contrattare sul prezzo dei prodotti.

KHAO SAN ROAD: è probabilmente la strada più famosa di Bangkok, vuole passare come caratteristica ma ormai è diventata un luogo frequentato solo da turisti.
Una breve visita noi vi consigliamo di farla ma non troverete altro che la Thailandia stereotipata che si aspettano i turisti: insetti, merce contraffatta e ragazze pronte a esibirsi nel ping pong show.
In zona c’è un buonissimo ed economico ristorante Vegano, l’Ethos Bakery Café, che vi consigliamo vivamente.

Foto e articolo: Riccardo Minora (info@comearrivarea.com)